TALENT: Transition and AdoLescence – ENdocrine diseases managemenT

L’aula Bignami dell’edificio di Patologia generale del Policlinico ha ospitato, per tutta la giornata di martedì 17 dicembre, l’evento “TALENT: Transition and AdoLescence – ENdocrine diseases managemenT”. Il focus del convegno sono state le malattie del sistema endocrino che colpiscono gli individui nell’età di transizione, cioè in quell’età che segna il passaggio dalla pubertà all’adultità. Un tema delicato sul quale sono intervenuti professori di caratura nazionale e internazionale, condividendo con i presenti le loro conoscenze in merito.

Il convegno è stato aperto dal saluto delle numerose autorità presenti. Fra i primi a prender parola è stato il magnifico rettore dell’università La Sapienza, che ha sottolineato la rilevanza centrale del convegno poiché si occupa di una questione fondamentale quale è quella relativa alle patologie emergenti fra i giovani. In particolare, ha citato il problema dell’obesità giovanile. Una percentuale crescente di adolescenti ne soffre, circa il 20%. È anche importante notare, ha aggiunto, come per la prima volta l’aspettativa di vita stia invertendo la tendenza e, invece che aumentare, si stia riducendo.

Un altro intervento interessante è stato quello del prof Romano che ha esposto alcuni risultati ottenuti come il Patto per la Salute, un accordo finanziario e programmatico tra Regioni e Governo volto a migliorare la qualità dei servizi. Ha spiegato come lo stesso Policlinico stia andando verso una fase di cambiamento e miglioramento grazie a investimenti per 225 milioni di euro nelle infrastrutture dell’ospedale e grazie a una riorganizzazione della struttura.

Una volta conclusosi il giro di saluti ha avuto inizio la conferenza vera e propria, dal carattere estremamente tecnico in quanto la giornata è stata pensata come una conferenza di aggiornamento per un pubblico di medici. Nei loro interventi, molti dei quali in lingua inglese, sono state messe in luce alcune delle patologie emergenti e le scoperte che gli studi più recenti hanno raggiunto.

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi