Seminario “Digital media in Israel” con Menahem Blondheim

Seminario “Digital media in Israel” con Menahem Blondheim

Si è tenuto lunedì 10 febbraio, dalle 17 alle 20 (aula Wolf) l’incontro introduttivo e di presentazione del seminario “Digital media in Israel”, tenuto dal Visiting Professor Menahem Blondheim, della Hebrew University. Gli studenti dei corsi di laurea gestiti dal Dipartimento CoRiS che hanno frequentato il seminario e che supereranno la prova finale potranno acquisire fino a 3 cfu per seminari/attività a scelta dello studente.

Il Visiting Professor Menahem Blondheim è membro di facoltà del Dipartimento di Comunicazione e Giornalismo e del Dipartimento di Storia dell’Università Ebraica. La sua ricerca esplora il ruolo della comunicazione nella storia americana e ebraica, nonché la storia dei media. Inoltre egli è ex imprenditore e dirigente nel settore dell’alta tecnologia all’alba delle comunicazioni digitali ad alta velocità, studia anche lo sviluppo, le prestazioni e il significato delle tecnologie di comunicazione, nuove e vecchie.

Israele, come ci tiene a precisare Blondheim, è una nazione che ha la faccia di Giano: come stato ebraico ripercorre migliaia di anni di tradizione, comunicati nel tempo. Essendo la “nazione start-up”, uno degli hub più dinamici e influenti dello sviluppo digitale e cyber, è orientata al futuro. È anche un paese disegualmente esaminato dai media mondiali, data la sua attuale politica travagliata e i conflitti con i suoi stati e le persone vicine. Internamente è profondamente diviso per fattori nazionali e religiosi, etnici e di classe. Date tutte queste divisioni comunicative, Israele è un’entità unicamente intrigante per l’indagine mediatica. Il corso ci ha tenuto ad analizzare le comunicazioni israeliane nell’era digitale, considerando gli aspetti tecnologici ed economici, politici e culturali, storici e futuristici, come una chiave per una più ampia comprensione delle comunicazioni nell’era digitale.

Negli ultimi anni è stata prestata una crescente attenzione al rapporto tra ebraismo e media. Dalla fine degli anni ’80, gli studiosi hanno prestato molta attenzione a come le strategie retoriche dei media ebraici contemporanei possano essere informate dai tradizionali schemi di comunicazione religiosa in Israele, in particolare in relazione ai media testuali. Molti di questi studi dimostrano come il giudaismo religioso abbia plasmato il discorso mediatico all’interno di Israele, come l’argomentazione secondo cui l’attuale discorso politico è modellato dalle argomentazioni religiose ebraiche storiche rinvenute negli scambi talmudici, visto nell’esame del discorso usato nelle sinagoghe. Questi studi hanno affrontato varie forme di media

L’impegno degli israeliani con le recenti tecnologie dei media è unico, sia come adottanti e utenti sia come creatori e produttori. Quando si tratta dell’uso dei nuovi media, un assortimento di indicatori dell’ultimo XX secolo mostra un modello coerente di diffusione estremamente rapida, simile a un’epidemia, delle nuove tecnologie dei media alla famiglia nella società israeliana. Nella maggior parte delle misure di diffusione e utilizzo, Israele ha guidato facilmente il mondo, nonostante un reddito pro capite molto più basso rispetto all’Europa occidentale e agli Stati Uniti. Ad esempio, nel 1995 Israele ha guidato il mondo nella penetrazione dei telefoni cellulari. Ma mentre il suo margine sugli Stati Uniti (e la Finlandia) nella penetrazione complessiva non era drammatico, l’uso del tempo di trasmissione per cliente era quattro volte più alto in Israele che negli Stati Uniti. Almeno altrettanto sorprendente è stata la diffusione del PC in Israele. Se nel 1993 il 30% delle famiglie israeliane ne possedeva uno, il tasso equivalente per la Francia era dell’11%; Germania, 12%; il Regno Unito, 18%; e Giappone, 7%. Il reddito pro capite in tutti questi paesi era più del doppio di quello israeliano. Dal lato dell’offerta, il ruolo di Israele nello sviluppo di nuove tecnologie di base per la comunicazione, prodotti e applicazioni era almeno altrettanto anomalo. Aspetti di questo fenomeno sono stati recentemente divulgati nella Start-Up Nation; tuttavia, poco notata è stata l’eccezionale predominanza delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione nell’output globale dell’alta tecnologia israeliana. La storia può essere la chiave di questa straordinaria enfasi sui media. Il profondo investimento culturale nella parola, nella diffusione di testi, memorie e idee sacre da una generazione all’altra e da una parte del mondo ad altre, a fratelli sparsi in lungo e in largo, può aiutare a spiegare questa preoccupazione con i media tecnologie. Così sarebbe l’impulso a trascendere le barriere reali e invisibili – religiose, ideologiche, sociali e culturali – e, nel caso dello stato di Israele, geografiche e geolitiche. Questi fattori storici e culturali potrebbero essere le radici profonde del coinvolgimento sgraziato e dell’innovatività di israeliani ed ebrei nella nuova industria dei media.

About The Author

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi