La Startup Week di Roma spinge all’innovazione

La Startup Week di Roma spinge all’innovazione

Si avvicina la Rome Startup Week, dal 6 al 14 aprile Roma si dedica per una settimana al mondo delle startup e dell’innovazione. Un festival della filiera del venture business e delle startup con oltre 50 eventi e ospiti nazionali ed internazionali. Organizzato da Roma Startup in collaborazione con la Regione Lazio, il Comune di Roma e numerosi operatori dell’ecosistema startup, l’evento promuove la cultura del rischio come modello industriale dell’innovazione.

Tre grandi “I” guideranno la Week: Innovazione, Imprenditorialità e Investimenti, ponendosi come linee guida del festival che spinge verso un corretto modello economico e sul giusto potenziale di crescita delle imprese.

L’Assessore allo Sviluppo Economico Adriano Meloni ha dichiarato sul tema: “La nostra città è un hub culturale e scientifico di primaria importanza, con i suoi 23 incubatori e acceleratori per startup. Non solo: fra atenei pubblici e privati, ospita 22 università, che devono essere protagoniste della cultura digitale. Bisogna consolidare la sinergia fra istituzioni e mondo accademico, sostenere la creazione di nuovi acceleratori in collaborazione con i privati, creare servizi di assistenza alle startup nella forma di un Welcome Package che attragga nuovi talenti e idee dall’Italia e dall’estero. Innovazione, competitività e internazionalizzazione per proporre un modello di business vincente nel panorama contemporaneo“.

Si spingono i politici, gli investitori, gli imprenditori, ma anche i neolaureati, professionisti, risparmiatori a partecipare come protagonisti ad un nuovo processo di valorizzazione delle grandi risorse del territorio italiano e soprattutto romano.

Roma è la città ideale dove fare questo festival – spiega Gianmarco Carnovale, Presidente di Roma Startupperché la nostra città che pure è cresciuta molto in questi otto anni, da quando abbiamo cominciato a lavorare con le istituzioni e i partner privati per fare rete, ha ancora un potenziale inespresso incredibile. Siamo al centro delle culture mediterranee, siamo il maggior polo universitario europeo e abbiamo ancora grandissima ricchezza di capitali privati; nostro obiettivo, anche con questa week è canalizzare tutte queste risorse e concretizzarle a beneficio di tutti: degli investitori che possono trovare opportunità nelle nuove imprese, e nelle startup che se supportate da adeguate politiche ed investimenti possono diventare le nostre future multinazionali, creando posti di lavoro di qualità per i giovani. L’Italia è passata troppo velocemente dall’euforia per le startup all’archiviare le startup senza occuparsene davvero, senza studiarne ed applicarne realmente le regole e metodologie internazionali. È necessario spiegare al paese quanto le startup possano essere davvero rilevanti per il futuro della nostra economia, e come vadano supportate dai diversi attori. La policy scaturita dal Decreto Crescita del 2012 era un buon primo passo, ma era parziale già allora e lo è ancora di più adesso che i paesi a noi più vicini drenano risorse. Tramite i diversi appuntamenti della Rome Startup Week intendiamo creare un grande momento di condivisione ed apprendimento tra gli operatori dell’ecosistema nazionale ed internazionale, ed il sistema politico, educativo, industriale e finanziario del paese“.

Ogni giornata della week sarà a tema. Da venerdì a domenica il focus sarà sulle Idee. In questo weekend delle startup organizzato da Google for Entrepreneurs si mostreranno progetti di impresa sul tema Sport Tech e Gaming. In due giorni si formeranno anche i dirigenti d’impresa sui nuovi processi aziendali offerti dalle soluzioni proposte da Lean Enterprise Machine. Il lunedì si darà spazio al tema dei Talenti. Storie di Successo di “Cacciatori di Unicorni” cercheranno di mostrare quelli che sono riusciti nei loro obiettivi e di far capire al pubblico come  hanno fatto attraverso un’analisi. Tra le varie storie ci sarà anche quella di Riccardo Zacconi, imprenditore romano che ha creato un’azienda valutata circa 5 miliardi di euro grazie al gioco CandyCrush. In questo giorno si cercherà anche di approfondire il ruolo delle Università e della Ricerca nel settore. Martedì ci sarà l’Open Innovation Summit in cui si proverà a capire come connettere grandi gruppi aziendali attraverso le startup. Tra gli ospiti di fama mondiale ci sarà Martin Bogers, professore responsabile della Unit for Innovation, Entrepreneurship and Management dell’Università di Copenhagen. Sempre in questa giornata l’APRE, l’Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea, in collaborazione con l’Ospedale Bambin Gesù, eccellenza mondiale nella ricerca pediatrica, organizzerà una call for startups in ambito medico. L’intera giornata di mercoledì sarà dedicata all’approfondimento delle nuove professioni nell’innovazione. Giovedì il tema sarà quello delle Capitali e delle Politiche, il momento centrale della Week, in cui sarà lanciato lo STARTUP ACT, un manifesto di linee di azione e proposte legislative. Inoltre verrà presentata l’edizione italiana del libro Startup City Guide dai direttori di StartupAmsterdam e Roma Startup. A seguire il CEO della startup Dealroom presenterà la Rome Startup Map. Il venerdì e il sabato a chiudere la Startup Week ci sarà la competizione Gladiator Challenge per startup early stage.

L’intera Rome Startup Week si svolgerà presso gli spazi della Regione Lazio nell’edificio WEGIL a Trastevere, ex GIL, esempio di forme razionaliste ed innovazione. L’evento ha anche un sito su cui è possibile trovare ulteriori informazioni.

Please follow and like us:

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi