In ricordo di Carlo Cannella sul fil rouge di micronutrienti e composti bioattivi

In ricordo di Carlo Cannella sul fil rouge di micronutrienti e composti bioattivi

Ha preso il via venerdì 24 febraio durante la mattinata, presso l’aula magna della Clinica Medica 1 del Policlinico Umberto I di Roma, la VI edizione di “Le Giornate di Carlo Cannella”. Il convegno, ripartito in due giorni, è dedicato all’illustre Carlo Cannella, docente di Scienze dell’alimentazione alla Sapienza, scomparso prematuramente nel 2011. Come nelle precedenti edizioni, anche quest’anno sono stati trattai temi di attualità scientifica e in particolare il tema nutrizionale.  I micronutrienti e i composti bioattivi hanno rappresentato il filo conduttore dell’edizione 2017. Il convegno ha visto la partecipazione di numerosi docenti e esperti del settore, provenienti non solo dall’Università La Sapienza, ma anche da altri Atenei italiani e Centri di Ricerca.

Il tema dei micronutrienti, principi nutritivi quali alcune vitamine (A, B, C, D, E, K, folati) e minerali (quali calcio, fosforo e selenio) è stato approfondito durante tutta la mattinata del 24 febbraio. In particolare, ci si è soffermati sugli indicatori e outcome funzionali grazie all’intervento del Dottor Lorenzo Donini e sul fabbisogno degli stessi in termini di Ai (assunzione adeguata) o Pri (assunzione raccomandata per la popolazione) per il quale è intervenuto il Dottor Alfonso Siani. La dottoressa Luisa Mannina ha invece spiegato l’utilizzo della RMN (risonanza magnetica Nucleare) per la determinazione degli indicatori e la valutazione dei micronutrienti, mentre la Dottoressa Nicoletta Pellegrini ha illustrato alla platea come alcuni trattamenti domestici (ad esempio la bollitura e la cottura a vapore) e industriali (scottatura e congelamento) possano impattare sugli indici funzionali degli alimenti vegetali.

Si è proseguito poi con il tema dei folati e dell’acido folico, vitamine del gruppo B che agiscono da trasportatori di unità monocarboniose, oltre che essere coinvolte nel metabolismo degli amminoacidi e nella sintesi per la stabilità del DNA. Per quanto riguarda gli aspetti biochimico-nutrizionali è intervenuta la Dottoressa Luciana Mosca; la Dottoressa Giardina ha invece approfondito il tema delle implicazioni dei folati in gravidanza e fertilità, mentre la Dottoressa Francesca Parisi ha trattato ampiamente i folati in termini di integrazione e tossicità.

Si è andati avanti durante il pomeriggio con i polifenoli, il selenio e i composti bioattivi e antociani con l’intervento di altrettanti esperti del settore. La giornata del 25 febbraio, è stata invece dedicata ad un tema attualissimo quale quello dei cereali, della loro conservazione e di patologie ad essi correlate, quali la celiachia e la sindrome di malassorbimento.

Oltre ad omaggiare una figura di spicco nel campo della nutrizione quale è stato Carlo Cannella, questo convegno a lui dedicato è stato sicuramente un’occasione di approfondimento per medici, biologi, dietisti e tecnologi alimentari.

Maria Rita Zedda

Intervista alle Dott.sse Del Balzo Valeria e Giusti Anna Maria

      170224_legiornatedicarlocannellaintervista

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi