A ognuno il suo Pride

A ognuno il suo Pride

Domenica 3 luglio è avvenuta la prima edizione del Disability Pride Milano, organizzato dai Disabili Pirata di Abbatti le Barriere, una realtà nata qualche anno fa in Lombardia e composta da persone con disabilità, caregivers, simpatizzanti e sostenitori e anche Centri Sociali, che hanno portato musica, colori e la professionalità e presenza come nel caso di Cascina Torchiera o Spazio di Mutuo Soccorso, ma assente la rappresentanza politica.

Subito dopo la celebre marcia dell’orgoglio Lgbtq+, arriva anche a Milano un’altra parata per dare voce alle minoranze e dire basta alle discriminazioni. È il Disability Pride, che promuove e afferma a gran voce un nuovo modo di vivere, pensare e valorizzare la disabilità: insieme a Palermo, Napoli e Roma (in cui arriverà nelle date 24-25 settembre ) anche il capoluogo lombardo ha quest’anno la sua edizione. Non solo persone con disabilità e “carrozzati”, ma anche caregiver e semplici simpatizzanti: una camminata in gruppo che unisce tutti, a testa alta contro chi vuole nascondere i disabili e la disabilità, sotto lo slogan “Corpi differenti, menti divergenti, esistenze irriverenti”.

Il ritrovo per l’inizio della sfilata è avvenuto fuori la Stazione di Porta Garibaldi in piazza Freud seguendo poi le seguenti strade, chiuse al traffico per tutta la giornata: corso Como, piazza XXV aprile, corso Garibaldi, largo la Foppa, via della Moscova, piazza Lega Lombarda, viale Elvezia, viale Malta, piazza Sempione con arrivo all’Arco della Pace, dove è stata finalmente inaugurata la Rampa della Pace.

Alla manifestazione molte realtà, associazioni, persone con un obiettivo comune: Abbattere le barriere, tra le tante ha anche aderito Non una di meno nata a Roma dal confronto tra diverse realtà femminili e femministe che da diversi mesi stanno ragionando in merito ad alcune macro aree – il piano legislativo, i CAV e i percorsi di autonomia, l’educazione alle differenze, la libertà di scelta e l’IVG.

«Facciamo parte – spiegano gli organizzatori della manifestazione, prevista in conclusione ancora All’arco della pace – del Disability Pride Network, una rete a cui fanno riferimento diverse realtà e soggetti da tutta Italia.Insieme abbiamo scelto di non nascondere più le nostre protesi, i nostri ausili, come carrozzine, deambulatori e bastoni, e di mostrarle nelle strade delle nostre città, e lo faremo con i nostri assistenti, amici per esprimere l’allegria e la gioia di vivere che ci caratterizza e prenderci un giorno di festa». Un messaggio di speranza da condividere sempre orgogliosi di quel che si è ricordando sempre che siamo tutti uguali e che I diritti sono imprescindibili per l’essere umano, dovrebbe essere ovvio per tutti, ma purtroppo non lo è.

Lucia Artieri

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi