Inaugurazione del nuovo accademico alla Sapienza

Inaugurazione del nuovo accademico alla Sapienza

Giovedì 18 gennaio si è tenuta presso l’Aula Magna del Palazzo del Rettorato della Sapienza l’inaugurazione del nuovo anno accademico 2017-2018.

La mattinata ha avuto inizio con l’ingresso in aula del corteo accademico con a capo il Magnifico Rettore Eugenio Gaudio, seguito dal Ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan e dal Professor Fulvio Ricci. Successivamente, l’Orchestra MuSa Classica Jazz insieme al Coro hanno eseguito, sotto la direzione del Maestro Francesco Vizioli, l’opera initolata “Gaudeamus”.

Il primo a prendere parola è stato il Rettore con il consueto discorso di apertura: dopo gli iniziali ringraziamenti, il Rettore ha esposto alcuni dati riguardo la situazione delle università in Italia mettendo in risalto luci ed ombre che ad oggi sono una realtà concreta affermando che le università italiane devono essere in prima linea nella costruzione dell’Europa della conoscenza. Ha inoltre aggiunto come i finanziamenti pubblici e privati, messi a disposizione per la ricerca e la formazione universitaria, servono a creare cittadini più consapevoli e lavoratori capaci di affrontare i compiti e le funzioni richieste dal mondo lavorativo.

Il rettore ha poi concluso il discorso citando due frasi a lui care di Albert Einstein: “Lo studio e la ricerca della verità e della bellezza rappresentano una sfera di attività in cui è permesso di rimanere bambini per tutta la vita” e “La ricerca della verità è più preziosa del suo possesso“.

Di seguito sono intervenute Marta Zingale, studentessa del Corso di Laurea Magistrale in Archeologia, e Antonella Cammisa, Direttrice dell’Area Supporto alla ricerca e trasferimento tecnologico. Quest’ultima ha avuto modo di sottolineare l’importanza della cultura e di come, anche grazie alle nuove politiche comunitarie, la crescita delle università italiane e non ha dato una concreta possibilità agli studenti di poter affrontare periodi di studio e tirocini all’estero.

Ha poi preso parola Yvon Berland, presidente dell’Aix-Marseille Université, con il suo discorso intitolato “The Mediterranean Transnational Campus”. Berland ha poi lasciato spazio alla “Lectio Magistralis” presentata dal professor Fulvio Ricci, portavoce dell’assente illustre Premio Nobel per la Fisica 2017 Rainer Weiss.

La prima parte della giornata è stata chiusa dall’Orchestra MuSa con l’esecuzione di “Nimrod”, brano tratto da “Enigma Variations” di Edward Elgar.

La seconda parte ha visto invece salire sul palcoscenico dell’Aula Magna il Sindaco di Roma Virginia Raggi, la quale ha espresso i suoi più sentiti ringraziamenti al Rettore e a tutta l’Università della Sapienza per il proprio impegno in ambito formativo, e il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti.

Verso la fine della giornata ha preso parola un altro illustre ospite, il Ministro dell’Economia e delle Finanze Pier Carlo Padoan con un discorso riguardante il tema “Italia ed Europa: Nuove sfide e nuove opportunità“. Il Ministro ha potuto ricalcare, ancora una volta, come il nostro Paese e le università debbano puntare sul capitale umano, sulle risorse giovani del paese. Prima della conclusione, Padoan ha invitato i giovani a partire per fare le proprie esperienze all’estero e a rientrare più forti e consapevoli.

L’inaugurazione dell’anno accademico si è conclusa con i ringraziamenti del Rettore e l’esecuzione da parte dell’Orchestra del brano “Overture” (tratto da “Music for the ROyal Fireworks” di Handel).

Alessandro Lauria
Martina Pota

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi