Una grande sfida oltre il PIL: il BES per misurare il bene del paese

Una grande sfida oltre il PIL: il BES per misurare il bene del paese

Nel corso della mattinata di martedì 19 novembre si è tenuto fra i banchi dell’università La Sapienza l’incontro “Una grande sfida oltre il PIL: il BES per misurare il bene del paese”, organizzato dalla professoressa Isabella Mingo. I due ospiti, la dottoressa Miria Savioli, ricercatrice del Dipartimento per la produzione statistica dell’ISTAT, e Antonio Mussino, professore del Dipartimento di Scienze Statistiche, sono stati chiamati a dibattere sul tema del benessere sociale e delle modalità di misurazione di questo valore.

Nel suo lungo intervento, la dottoressa Savioli ha ricostruito il percorso che dalla nascita del concetto di PIL ha portato fino ad una visione più articolata di quello che è davvero il benessere di una società. Infatti, come ha spiegato, lo stesso inventore del PIL Simon Kuznets già nel 1934 avvertiva il congresso degli Stati Uniti che il PIL non è in grado da sé di valutare correttamente il benessere sociale. Nel corso dei decenni successivi c’è stata una graduale presa di coscienza. Per il nostro paese una data importante è il 27 dicembre 2010. Quel giorno l’ISTAT ha inaugurato il progetto Bes (Benessere e sostenibilità), il quale attraverso una gran moltitudine di indicatori (relativi alla qualità della vita e all’ambiente) mira a definire le condizioni reali di appagamento di una data società. A questo proposito, è brevemente intervenuto il professore Mussino che ha sottolineato il fatto che, nonostante si stiano facendo dei progressi, esistano ancora notevoli aspetti su cui lo stesso Bes può e deve far meglio.

L’incontro ha reso chiara la complicatezza di questo tema e le numerose difficoltà, ma ha allo stesso tempo mostrato come a livello internazionale i vari paesi, compresa l’Italia, si stiano muovendo verso la giusta direzione. Sono sempre di più le risorse e i progetti messi in campo per creare degli strumenti capaci di definire le condizioni reali di soddisfacimento di un paese e della sua popolazione.

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi