Gli occhiali che tutti porteremo nel 2022 per messaggiare, navigare e telefonare.

Gli occhiali che tutti porteremo nel 2022 per messaggiare, navigare e telefonare.

Aprile 2022: è questa la data prevista dagli scienziati futuristici per lanciare sul mercato gli occhiali “a realtà aumentata” che potrebbero prendere il posto del vostro smartphone e diventare il vostro nuovo dispositivo informatico portatile.

Michael Abrash, scienziato capo della Oculus Research, società di Facebook sta lavorando sugli occhiali a realtà aumentata: dei super-occhiali dall’aspetto classico, leggeri ed eleganti ma con numerosi vantaggi.
Questa nuova tecnologia ha la possibilità di aumentare la memoria di chi li indossa, tradurre simultaneamente lingue straniere e rilevare addirittura la temperatura di un bambino con uno sguardo.
Occhiali che volutamente non danno all’occhio ma che in realtà hanno caratteristiche hi-tech  più di un semplice smartphone. Sono occhiali che in definitiva sovrappongono le informazioni virtuali al mondo reale, per questo vengono definiti “realtà aumentata”.

Ovviamente, per realizzare questi super-occhiali si devono compiere ancora grandi progressi nella scienza dei materiali, nell’ottica e nei monitor. “Tra 20 o 30 anni, prevedo che invece di portarci ovunque eleganti smartphone, indosseremo occhiali eleganti che ci offriranno realtà virtuale, realtà aumentata e tutto quello che c’è nel mezzo, e li useremo tutto il giorno”, ha spiegato Abrash in un dibattito all’annuale conferenza di Facebook degli sviluppatori.

Ma il momento in cui gli occhiali a realtà aumentata diventeranno un prodotto di massa disponibile, e molto diffusi, non è poi così lontano.

Magari tra soli cinque anni la realtà aumentata potrebbe avere il suo boom sul mercato ma anche quando sarà diffusa, ci vorranno molti anni per mostrare completamente il suo potenziale, proprio come all’informatica sono serviti decenni per raggiungere miliardi di persone.

Oggi però esistono già alcuni occhiali AR. Google Glass, ad esempio, uno dei primi tentativi di occhiali informatici di alto livello, hanno clamorosamente fallito a causa di un aspetto goffo, esagerato e di scarse prestazioni. I dispositivi voluminosi difficilmente vengono indossati quotidianamente dalle persone per andare in giro, a lavoro, all’università o semplicemente a fare una passeggiata. Bisogna creare degli occhiali che, stando alle parole di Abrash, forniscano “un potenziamento che migliori la vostra visione e il vostro udito, che vi rendano più intelligenti e capaci, siano leggeri, comodi, eleganti, efficienti e abbastanza socialmente accettabili per accompagnarvi ovunque andiate” Sono occhiali che servono a semplificare la vita di tutti i giorni, oltre che a migliorarla.

Ma chissà che questo eccesso di tecnologia non stia trasformando le persone in robot costantemente ed eccessivamente connessi.

“La tecnologia dovrebbe migliorare la tua vita, non diventare la tua vita”.
(Harvey B. Mackay)

Doriana Castellitto

Please follow and like us:

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi