Giornate di dialoghi aperti sull’Europa

Giornate di dialoghi aperti sull’Europa

Roma, 28 Marzo 2022. Stamani alle ore 10 presso l’Aula A dell’edificio di Scienze Politiche è stata inaugurata la sesta edizione di “Dialoghi sull’Europa 2022”.

E’ una manifestazione nata nel 2017 in concomitanza del Sessantesimo anniversario dei Trattati di Roma (25 marzo 1957) considerati come l’atto di nascita della grande famiglia europea.

Da oggi fino a venerdì 1 Aprile 2022 è possibile seguire queste iniziative organizzate dal Dipartimento di Scienze Politiche con il patrocinio della Commissione europea – Rappresentanza in Italia, dedicate all’Europa ed aperte alla città. Durante questa settimana, il Dipartimento ospiterà incontri, dibattiti, dialoghi aperti che vedranno coinvolti i docenti e gli studenti di tutti i corsi di Laurea, con il contributo di ospiti esterni insieme ai quali affrontare il tema dell’Europa da diverse prospettive disciplinari.

In apertura dell’inaugurazione vi è stato il saluto ed il discorso del sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri, Vincenzo Amendola. A seguire quello di Carlo Corazza, portavoce del Parlamento europeo in Italia.

Successivamente, ha avuto luogo l’incontro “Tra Italia e Francia: una visione comune per l’Europa, Università, ricerca, cultura”, alla presenza della Magnifica rettrice Antonella Polimeni e dell’ambasciatore francese Christian Masset. Insieme a quest’ultimo sono stati menzionati elementi fondamentali, tra tutti: Università, Ricerca e Cultura.

L’Università con il suo programma Erasmus+ offre la possibilità di svolgere un’esperienza di studio avvincente, ma ancor più rilevante è l’esperienza personale che si consegue partecipando a questo tipo di iniziativa culturale.

La Ricerca fa capo soprattutto al tema dello Spazio, il quale è un settore chiave per la competitività e costituisce un prerequisito per le capacità strategiche di entrambi gli Stati (Francia e Italia).

A conclusione, la Cultura. “Essa non è mai merce di mercato” afferma l’ambasciatore Masset, difatti la cooperazione tra Francia e Italia in ambito culturale è forte, attiva e diretta, per questo motivo i due Stati sono molto legati tra loro.

L’edizione 2022 si pone, quindi, quale occasione per promuovere la partecipazione del Dipartimento alla Conferenza sul Futuro dell’Europa, le cui tematiche di riferimento sono: cambiamento climatico e ambiente, salute, un’economia più forte, giustizia sociale e occupazione, l’UE nel mondo, valori, diritti, stato di diritto e sicurezza, trasformazione digitale, democrazia europea, migrazione, istruzione, cultura, gioventù e sport. Argomenti affrontati proprio nell’avvenuta “Conferenza sul Futuro dell’Europa” (25 marzo 2022) attraverso i quattro panel di riferimento che offrono a tutti i cittadini, soprattutto i più giovani, la possibilità di ragionare sulle sfide e sulle priorità dell’Europa riflettendo sul futuro dell’Unione Europea.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi