Due mostre a chiusura di un ciclo: Léonie Hampton e Guy Tillim al MACRO

Due mostre a chiusura di un ciclo: Léonie Hampton e Guy Tillim al MACRO

Léonie Hampton, nata a Londra nel 1978, è la fotografa britannica a cui è stata affidata quest’anno la XV edizione della Commissione Roma, istituita da Marco Delogu nel 2003, in concomitanza con la seconda edizione di FOTOGRAFIA – Festival Internazionale di Roma, con l’intento preciso di costruire un archivio di immagini realizzate dai più grandi professionisti del mondo nel settore fotografico, intorno alla visione di Roma. Ogni anno, la Commissione ha assegnato a grandi fotografi internazionali un ritratto della Capitale in assoluta libertà interpretativa, permettendo loro di esprimere mediante le immagini il loro rapporto emotivo, autoriale ed espressivo con la Capitale.

FOTOGRAFIA è un festival che negli anni ha avuto il grande merito di coinvolgere tantissimi artisti internazionali e di farli dialogare con la storia di Roma, investendo su nuove produzioni, scambi e collaborazioni eccellenti. Stando alle parole del vicesindaco con delega alla crescita culturale Luca Bergamo però, questa forte spinta propulsiva è parsa ultimamente venire un po’ meno per un insieme di ragioni che hanno portato consequenzialmente alla decisione, condivisa con Marco Delogu, di concludere questo emozionante percorso.

L’eredità lasciata dal festival alla città è comunque imponente perché, proprio grazie alla precedentemente citata Commissione Roma, si riesce ad aggiungere al patrimonio delle collezioni civiche una serie unica di produzioni che documentano la nuova Roma, la Roma del nuovo millennio. Questa ricchezza sarà la base sulla quale costruire, già dal prossimo anno, una nuova stagione di promozione della fotografia, coinvolgendo nel modo più esteso possibile la città anche e soprattutto in considerazione della penetrazione che questa forma di espressione e racconto ha assunto nella vita di noi tutti e in particolar modo nella vita dell’ ultima “generazione digitale”.

Lo scorso 7 novembre, a conclusione dell’esperienza del festival, sono state presentate al MACRO, il Museo di arte contemporanea di Roma nei pressi di Porta Pia, due grandi mostre: la nuova Commissione Roma dal titolo Mend, realizzata da Léonie Hampton, e la prima antologia italiana O Futuro Certo di Guy Tillim. La prima è stata già in passato protagonista di FotoGrafia ed è internazionalmente conosciuta e apprezzata soprattutto per l’approccio molto intimo con il quale interagisce con i suoi soggetti, mentre il secondo è un autore sudafricano simbolo del festival, presentato a più riprese, protagonista della Commissione Roma nel 2009 e recentemente vincitore del prestigioso HCB Awards.

Le mostre, a cura di Marco Delogu con la collaborazione di Flavio Scollo, sono promosse da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali.

Michele Antonelli

About The Author

Nato il 5 maggio 1996, studente di Lettere moderne. Scrittore per passione: amo il giornalismo, il calcio e la grande letteratura.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi