Domani alla Galleria d’Arte Moderna dibattito sulla centralità artistica della donna

Domani alla Galleria d’Arte Moderna dibattito sulla centralità artistica della donna

Il corpo femminile da sempre ha ispirato ed ispira l’estro artistico degli uomini, dando vita a gran parte del patrimonio artistico mondiale. Presso la Galleria d’Arte Moderna di Roma domani, martedì 5 novembre, alle ore 17 sarà posto l’accento sul ruolo della donna nelle correnti artistiche di età contemporanea, con la presentazione del volume-catalogo della mostra “DONNE. Corpo e immagine tra simbolo e rivoluzione”, con introduzione di Elisabetta Rasy, critica concentrata sul femminile nella scrittura ma anche nella pittura.

La presentazione sarà costituita da una conversazione tra la Rasy e le autrici Gabriella Bonacchi (filosofa concentrata sul ruolo della donna nel sociale), la storica Marina D’Amelia e la professoressa Elisa Giomi, tutte e 3 scrittrici di saggi. L’attrice Giusi Cataldo darà voce ad alcuni testi sull’argomento. L’esposizione mira a condurre a una riflessione sulla figura femminile, partendo dalla visione di artisti che hanno raffigurato e celebrato il gentil sesso attraverso le varie correnti artistiche da fine Ottocento ad oggi.

La mostra doveva essere disponibile fino a metà ottobre ma una proroga ha allungato fino al 10 novembre il periodo di esposizione, la quale è composta da un centinaio di opere di vario genere, dipinti, fotografie, grafiche, sculture e video. Esse provengono da collezioni d’arte contemporanea della città di Roma, ed alcune sono esposte per la prima volta. Scopo dell’esposizione è documentare la predilezione dell’universo femminile da parte degli artisti di ogni tempo.

L’evento è promosso dall’Assessorato alla Crescita culturale, in collaborazione con la Cineteca di Bologna e l’Istituto Luce di Cinecittà, produttore del film-documentario proiettato in una sala della mostra: “Bellissime”, che attraverso documenti storici, spezzoni cinematografici e interviste racconta il cammino delle donne nel ‘900.

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi