Il corpo delle donne in scena: la lezione del professor Fabiano

Il corpo delle donne in scena: la lezione del professor Fabiano

Martedì 21 gennaio, presso l’Edificio di Lettere, Andrea Fabiano, docente dell’Università di Paris Sorbonne, ha tenuto una lezione intitolata “Il corpo della donna in scena”. L’incontro, organizzato nell’ambito del Dottorato di ricerca in Italianistica, si è focalizzato sul tema del rispetto e della sfida alla norma sociale nella drammaturgia italiana di ancien régime.

L’excursus storico-letterario ha riguardato influenti nomi delle più cruciali fasi di critica e riforma del teatro, luogo esperienziale non solo funzionale all’intrattenimento ma da sempre riflesso drammatico  del contesto socio-politico da cui personaggi e trame sono ispirati. Ad esempio, è stato analizzato il punto di vista di Riccoboni profondamente contrario all’entrata in scena della donna, ma al contempo convinto dell’inevitabile fine del Teatro stesso se il femminile fosse esclusivo, poiché vero elemento di attrattiva per il pubblico. Non solo. La donna in scena attrae anche perversi e deviati, ne sfoga le riprovevoli pulsioni, che tornerebbero a turbare la pace sociale se il Teatro calasse definitivamente il sipario.

Successivamente  il professor Fabiano ha continuato con riferimenti a Concina e Goldoni cercando e riuscendo a dare completezza e spessore al proprio studio, ascoltato con sincero interesse dal pubblico di dottorandi e docenti. Certamente due ore non sarebbero mai state sufficienti per la discussione di ogni aspetto del complesso tema del corpo della donna in scena, ma in due ore gli spunti sono stati innumerevoli e senza dubbio la ricerca italianistica metterà a frutto i contributi condivisi generosamente dal professore Fabiano.

About The Author

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi