Chiesa di Santa Maria della Vittoria, un patrimonio europeo nel centro storico di Roma

Chiesa di Santa Maria della Vittoria, un patrimonio europeo nel centro storico di Roma
      Intervista al professor Francesco Gui

Venerdì 6 maggio nella Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università La Sapienza di Roma si è tenuto il convegno internazionale “La battaglia della Montagna Bianca: Praga e la Boemia al centro del Sacro Romani Impero”, incentrato sulla grande rilevanza storico-artistica della Chiesa di Santa Maria della Vittoria.

La Chiesa, situata in Largo di Santa Susanna a Roma, costituisce un importante patrimonio storico-culturale italiano ed europeo, non soltanto per la presenza del celebre gruppo scultoreo dell’Estasi di Santa Teresa del Bernini, ma anche per l’epocale serie di eventi che le hanno dato il nome.

Essa venne intitolata l’8 Maggio 1622 (ben 400 anni fa) celebrando con una grandiosa sfilata di nobiltà, la vittoria delle potenze dell’Europa cattolica sui protestanti “ribelli” e hussiti della Boemia. Il successo della battaglia della Montagna Bianca, combattuta a Praga nel 1620, venne attribuito al contributo miracoloso di un’immagine della Vergine, oggi conservata sopra l’altare della Chiesa.

 Nel corso delle giornata del 6 e del 7 maggio, studenti, insegnanti e ricercatori sono invitati a conoscere meglio il valore artistico, culturale e storico della Chiesa, nonché a partecipare ad un’occasione di reciproca comprensione tra europei, grazie alla partecipazione di studiosi cechi e di altri paesi.

L’evento di venerdì ha avuto inizio con i consueti saluti istituzionali da parte di Arianna Punzi (Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia, Università La Sapienza), Eugenio Gaudio (Presidente Fondazione Sapienza) e molti altri ospiti provenienti dalla Repubblica Ceca. Nel corso della conferenza attraverso gli interventi di studiosi provenienti da paesi europei differenti, sono stati trattati argomenti di rilevanza, come gli eventi collegati alla Chiesa stessa ed il suo valore artistico e religioso.

La conferenza proseguirà sabato 7 maggio presso il Museo Nazionale Romano – Palazzo Massimo, seguito da una visita guidata alla Chiesa. In tal modo i partecipanti potranno vedere con i proprio occhi le testimonianze storiche ed artistiche che rendono la Chiesa un affascinante diamante di Roma.

L’iniziativa presentata nasce dalla volontà di divulgare nella memoria collettiva un’eredità così importante, eppure fin troppo ignorata, della storia di Roma e dell’Europa.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi