Carlo Levi e l’arte della politica al Casino dei Principi

Carlo Levi e l’arte della politica al Casino dei Principi

Personalità significativa nel panorama novecentesco , Carlo Levi è stato uno degli artisti poliedrici fondamentali del XX secolo , nonché forte sostenitore dell’antifascismo italiano.

Allo scopo di ricostruire le diverse modalità di espressione artistica di Levi ,  quali la letteratura , la poesia , la pittura ed il disegno e , più nello specifico , al fine di riflettere sulla “grafica politica”  dell’autore , appartenente per lo più agli anni 1947 \1948 della sua vita , il Centro Carlo Levi di Matera , in associazione con la Fondazione Carlo Levi , ha dato vita alla mostra “Carlo Levi e l’Arte della politica. Disegni e opere pittoriche”.

L’evento si svolgerà presso il Casino dei Principi di Villa Torlonia , dal 29 novembre 2019 al 22 marzo 2020.

L’esposizione , che presenta 58 disegni politici e 46 opere pittoriche , è a cura di Lorenzo Rota ,  Mauro Vincenzo Fontana (Centro Carlo Levi di Matera) , Daniela Fonti e Antonella Lavorgna (Fondazione Carlo Levi) ,  in collaborazione con Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Polo Museale della Basilicata – Museo di Palazzo Lanfranchi.

Al fine di contribuire ad una valutazione critica complessiva della grafica di Levi e di quella a lui contemporanea , una prima fase espositiva vede la presenza di 58 disegni politici che raccontano sinteticamente la stagione di formazione dell’Italia Repubblicana e testimoniano il passaggio cruciale del 1949 , che porterà molte personalità dell’epoca ad impegnarsi nella “politica del fare”.

La seconda sezione espositiva presenta , invece , 46 opere pittoriche dell’artista appartenenti al periodo cronologico che va dal 1932 al 1973. Fra i quadri presenti in mostra , molti sono per lo più ritratti dei protagonisti politici degli anni contemporanei a Levi ;  molti altri sono legati alla guerra , riprendono nature morte , arrivando a toccare le tematiche “meridionaliste” particolarmente care all’autore.  L’obiettivo di  queste opere è quello di sottolineare le affinità stilistiche , le riprese tematiche ed , in particolare , l’assoluta originalità ed autonomia della satira di Levi , rispetto al Levi tradizionale che si conosce , l’autore di “Cristo si è fermato a Eboli” o de “L’orologio”.  Tuttavia , c’è da considerare che quest’ultima opera citata condivide con le tavole grafiche esposte lo stesso “humour” ironico.

La mostra è promossa da Roma Capitale , Assessorato alla Crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali , con i servizi museali di Zètema Progetto Cultura.

Il catalogo della mostra , edito dall’Editore Giannatelli di Matera , raccoglie i testi di Lorenzo Rota , Giampaolo d’Andrea , Filippo Laporta , Nicola Filazzola , Mariadelaide Cuozzo , Simonetta Prosperi Valenti Rodinò , Michele Tavola , Daniela Fonti e Antonella Lavorgna.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi