Cartoni per Roma: che successo all’Atlantico!

Cartoni per Roma: che successo all’Atlantico!

Cartoni per Roma fa ancora centro. Tanta musica, tanto divertimento ma soprattutto tanta passione, quella delle band sul palco, quella dei fan in platea, che hanno cantato a squarciagola dall’inizio alla fine del concerto creando un’atmosfera elettrica. La seconda edizione della rassegna, tenutasi sabato sera presso l’Atlantico – zona Eur – è stata l’occasione per confermare il grande seguito che le cartoon band e il mondo dei fumetti e dei cartoni animati riscuotono ancora soprattutto tra i figli degli anni ’70, ’80 e ’90.

Il sipario virtuale si apre con Barty  Colucci, presentatore della serata che introduce i Notevolmente, gruppo armonico composto da 40 elementi specializzato in musiche degli anni 80. Come ha spiegato infatti il direttore di questa cartoon orchestra, Marco Schunnach, “il nostro lavoro è nato nel 2004, partendo da 5 elementi e arrivando via via a 40. Ci siamo buttati nella riproduzione a cappella dei classici degli anni 80 perché sono quelli più ricchi di melodie e quindi più facili da riprodurre per chi, come noi, ha un background classico”.

Dopo l’antipasto dei Notevolmente, la rassegna entra nel vivo, con l’arrivo sul palco dei Cristiani d’Avena, giovane e agguerrita band che fa dell’originalità e della comicità il suo marchio di fabbrica. Luci soffuse, musica epica e ingresso con cappucci e mantelli per i 5 componenti, che caricano subito il pubblico intonando la storica sigla italiana di Ken il guerriero. L’esibizione è da vivere tutta d’un fiato, soprattutto grazie ai siparietti divertenti – da vedere e rivedere l’omaggio ai Backstreet Boys – e agli effetti speciali come in occasione del suggestivo omaggio a Sailor Moon. Dai Cristiani alla Bim Bum Band, gruppo invece rodatissimo specializzato principalmente in cover in lingua originale giapponese. Il pubblico è di bocca buona e non si fa trovare impreparato: mani all’insù e cori a ritmo di musica, anche sulle complesse tonalità nipponiche. Tough Boy, He-man, Rossana e un selezione conclusiva con tutto il meglio delle sigle degli anime, un mix vincente che ha tenuto altissimo il livello dello spettacolo. L’arma in più è sto il baby trio tutto al femminile della BBB che, oltre ad accompagnare magistralmente i ‘più grandi’, ha tenuto il palco intrattenendo i fan con balletti improvvisati e gag divertenti. Terza e ultima cover band è un altro gruppo di veterani, i re del trash rock, i Cavalieri dello Zodiaco, da 20 anni insieme sempre e solo sotto il segno dei cartoni animati. Trainati dalla personalità e dal carisma di Giovanni Pompeo, voce principale nonché organizzatore di tutta la rassegna, i Cavalieri sguainano le spade e proseguono la battaglia intonando con successo Daltanius, il mitico Capitan Harlock, prima del richiestissimo Carletto il principe dei mostri. Risate generali quando salgono sul palco Lady Oscar e Andrè – rigorosamente in cosplay –  e in sala si improvvisano balli settecenteschi sulla sigla dell’omonimo cartone. C’è spazio anche per un duetto umoristico con l’artista romano Luca Bussoletti – e la sua giacca dalle note sgargianti e fumettistiche.

Il finale è epico, con tutte e tre le band richiamate sul palco per un ultimo medley a ritmo di Jeeg, eseguita dai Cristiani d’Avena e dai Cavalieri dello Zodiaco nella versione italiana e poi dalla Bim Bum Band nella versione giapponese, il tutto sempre accompagnato da un pubblico che non ne vuole sapere né di smettere di cantare né di ballare. Dopo i selfie di rito scende in campo DJ Osso, che chiude la serata con l’ormai consueto Dj set fatto di sigle di cartoni mixate con i più grandi successi musicali.

Raggiunto dai microfoni di RadioSapienza Giovanni Pompeo, cantane dei Cavalieri dello Zodiaco e organizzatore di Cartoni per Roma, ha voluto stilare un bilancio della serata: “Sicuramente siamo soddisfattissimi di come è andato l’evento, soprattutto per il pubblico, che ci ha sostenuto dall’inizio alla fine”. Lancia poi un messaggio, che riassume forse il pensiero che c’è dietro a tutti coloro che seguono con passione e trasporto questo tipo di manifestazione: “La risposta è semplice, tutti abbiamo voglia di tornare bambini e le sigle dei cartoni animati ci aiutano a tenere sempre vivo il bimbo che c’è in noi”.

Insomma una serata di puro divertimento che ha coinvolto davvero tutti, un salto indietro nostalgico nell’infanzia, per riabbracciare e rincontrare, seppur virtualmente, tutti quegli eroi ed eroine che ci hanno fatto sognare quando eravamo bambini.

Per rivivere le emozioni della serata con le foto dell’evento CLICCA QUI

Per ascoltare l’intervista completa a Giovanni Pompeo avvia il PLAYER IN BASSO

      160418_giovannipompeoCxR

Dagli inviati Federica Palma e Gianluca Viscogliosi

Allegati

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi