Strega(ti)! Le 54 proposte degli Amici della domenica

Strega(ti)! Le 54 proposte degli Amici della domenica

Sono 54 i titoli che gli Amici della domenica hanno proposto per la LXXIV edizione del “Premio Strega”, l’ambito premio letterario italiano promosso dalla Fondazione Maria e Goffredo Bellonci e Liquore Strega, con il contributo di Camera di Commercio di Roma, in collaborazione con Bper Banca e sponsor tecnico Ibs.it .

Dopo questa prima parte riservata alle proposte, spetta al Comitato direttivo del premio a scegliere i dodici titoli che di disputeranno l’edizione 2020 dello Strega, sia tenendo conto dei titoli selezionati dagli Amici della domenica sia sulla base di valutazioni proprie che potranno eventualmente integrare la lista iniziale. Nel Comitato troviamo Pietro Abate, Valeria Della Valle, Giuseppe D’Avino, Ernesto Ferrero (Vincitore del Premio Strega 2000), Alberto Foschini, Paolo Giordano (Vincitore del Premio Strega 2008), Helena Janeczek (Vincitrice del Premio Strega 2018), Melania G. Mazzucco (Vincitrice del Premio Strega 2003), Gabriele Pedullà, Stefano Perochi, Marino Sinibaldi e Giovanni Solimine.

I dodici candidati saranno annunciati domenica 15 marzo alle ore 12.30 a Roma nella Sala Ospiti dell’Auditorium Parco della Musica, durante l’evento “Libri come. Festa del Libro e della Lettura“. Interverranno Giuseppe D’Avino, Presidente di Strega Alberti Benevento, Valeria Della Valle, Presidente del Comitato scientifico della Fondazione Bellonci, Melania G. Mazzucco, Presidente del Comitato direttivo del Premio Strega e Giovanni Solimine, Presidente della Fondazione Bellonci. Coordinerà l’incontro Stefano Petrocchi, Direttore della Fondazione Bellonci

Il totale dei voti sarà 660, ripartiti rispettivamente in:

  • una giuria composta dai 400 Amici della Domenica;
  • 300 voti espressi da studiosi, traduttori, intellettuali italiani e stranieri selezionati da 20 istituti italiani di cultura all’estero;
  • 40 lettori forti selezionati da 20 librerie indipendenti distribuite in tutta Italia;
  • 20 voti collettivi espressi da scuole, università e 15 circoli di lettura presso le Biblioteche di Roma.

I finalisti saranno poi annunciati martedì 9 giugno al termine della prima votazione e la vincitrice o il vincitore sarà elett* giovedì 2 luglio 2020.

Qui sotto trovate l’elenco dei cinquantaquattro libri candidati, maggiori informazioni sul premio e sulle edizioni passate le potete trovare sul sito https://www.premiostrega.it/:

  1. Silvia Ballestra, La nuova stagione (Bompiani), proposto da Loredana Lipperini;
  2. Marta Barone, Città sommersa (Bompiani), proposto da Enrico Deaglio;
  3. Jonathan Bazzi, Febbre (Fandango Libri), proposto da Teresa Ciabatti;
  4. Ilaria Bernardini, Il ritratto (Mondadori), proposto da Paolo Sorrentino;
  5. Errico Buonanno, Teresa sulla Luna (Solferino), proposto da Chiara Gamberale;
  6. Gianluigi Bruni, Luce del Nord (Rubbettino), proposto da Antonio Pascale;
  7. Gianrico Carofiglio, La misura del tempo (Einaudi), proposto da Sabino Cassese;
  8. Cynthia Collu, L’amore altrove (DeA Planeta Libri), proposto da Ferruccio Parazzoli;
  9. Pasquale Critone, Il tesoro sacrilego (Armando Editore), proposto da Antonio Augenti;
  10. Luciano Curreri, Volevo scrivere un’altra cosa (Passigli), proposto da Alessandro Barbero;
  11. Lidia Del Gaudio, Il delitto di via Crispi n. 21 (Fanucci), proposto da Marcello Ciccaglioni;
  12. Viola Di Grado, Fuoco al cielo (La nave di Teseo), presentato da Maria Rosa Cutrufelli;
  13. Francesco Falconi, Gli anni incompiuti (La Corte Editore), proposto da Alessandro Perissinotto;
  14. Angelo Ferracuti, La metà del cielo (Mondadori), proposto da Paolo Di Stefano;
  15. Gian Arturo Ferrari, Ragazzo italiano (Feltrinelli), proposto da Margaret Mazzantini;
  16. Alessio Forgione, Giovanissimi (NN Editore), proposto da Lisa Ginzburg;
  17. Valerio Gaglione e Fabio Izzo, Uccidendo il secondo cane (Oblomov Edizioni), proposto da Piero Mastroberardino;
  18. Giorgio Ghiotti, Gli occhi vuoti dei santi (Hacca), proposto da Biancamaria Frabotta;
  19. Gipi, Momenti straordinari con applausi finti (Coconino Press), proposto da Francesco Piccolo;
  20. Antonio Gnoli e Francesco Merlo, Grand Hotel Scalfari (Marsilio), proposto da Pietrangelo Buttafuoco;
  21. Laura Imai Messina, Quel che affidiamo al vento (Piemme), proposto da Lia Levi;
  22. Claudio Lagomarsini, Ai sopravvissuti spareremo ancora (Fazi), proposto da Laura Minervini;
  23. Francesco Longo, Molto mossi gli altri mari (Bollati Boringhieri), proposto da Marco Cassini;
  24. Leonardo G. Luccone, La casa mangia le parole (Ponte alle Grazie), proposto da Silvio Perrella;
  25. Pierluigi Luisi, Il posto dei fichi d’India (Aracne), proposto da Paolo Ferruzzi;
  26. Giuseppe Lupo, Breve storia del mio silenzio (Marsilio), proposto da Salvatore Silvano Nigro;
  27. Giuseppe Manfridi, La segretaria di Dostoevskij (La Lepre Edizioni), proposto da Claudio Strinati;
  28. Francesco Marino, Lo chef consiglia amore (Cairo), proposto da Lina Wertmüller;
  29. Daniele Mencarelli, Tutto chiede salvezza (Mondadori), proposto da Maria Pia Ammirati;
  30. Sebastiano Mondadori, Il contrario di padre (Manni), proposto da Giovanni Pacchiano;
  31. Raffaele Mozzillo, Calce. O delle cose nascoste (Effequ), proposto da Filippo La Porta;
  32. Margherita Nani, L’ospite – Le anatomie di Josef Mengele (Francesco Brioschi Editore), proposto da Ilaria Catastini;
  33. Gesuino Némus, L’eresia del Cannonau (Elliot), proposto da Arnaldo Colasanti;
  34. Rosario Palazzolo, La vita schifa (Arkadia), proposto da Giulia Ciarapica;
  35. Alfredo Palomba, Teorie della comprensione profonda delle cose (Wojtek), proposto da Antonella Cilento;
  36. Francesca Pansa, Nessuna notte è infinita (Rizzoli), proposto da Aurelio Picca;
  37. Renzo Paris, Miss Rosselli (Neri Pozza), proposto da Nadia Terranova;
  38. Valeria Parrella, Almarina (Einaudi), proposto da Nicola Lagioia;
  39. Lorenza Pieri, Il giardino dei mostri (E/O), proposto da Martina Testa;
  40. Paolo Pecere, Risorgere (Chiarelettere), proposto da Fulvio Abbate;
  41. Remo Rapino, Vita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio (Minimum Fax), proposto da Maria Ida Gaeta;
  42. Giovanni Ricciardi, La vendetta di Oreste (Fazi), proposto da Saverio Simonelli;
  43. Ilaria Rossetti, Le cose da salvare (Neri Pozza), proposto da Wanda Marasco;
  44. Lodovica San GuedoroAmor che torni… Un’educazione sentimentale (Felix Krull Editore), proposto da Paolo Ruffilli;
  45. Ezio Sinigaglia, L’imitazion del vero (TerraRossa), proposto da Lorenza Foschini;
  46. Lorena Spampinato, Il silenzio dell’acciuga (Nutrimenti), proposto da Lidia Ravera;
  47. Olimpio Talarico, Cosa rimane dei nostri amori (Compagnia Editoriale Aliberti), proposto da Ferruccio de Bortoli;
  48. Marina Valensise, La temeraria. Luciana Fossati Gawronska, un romanzo del Novecento (Marsilio), proposto da Eva Cantarella;
  49. Chiara Valerio, Il cuore non si vede (Einaudi), proposto da Jhumpa Lahiri;
  50. Enrico Vanzina, Mio fratello Carlo (HarperCollins Italia), proposto da Masolino D’Amico;
  51. Piera Ventre, Sette opere di misericordia (Neri Pozza), proposto da Cesare de Seta;
  52. Sandro Veronesi, Il colibrì (La nave di Teseo), proposto dall’Accademia degli Scrausi;
  53. Daniele Vicari, Emanuele nella battaglia (Einaudi), proposto da Michele Dalai;
  54. Gian Mario Villalta, L’apprendista (SEM), proposto da Franco Buffoni.

 

About The Author

Tutti sbagliano il mio nome. Anche nelle risposte alle mail in cui mi firmo. Segno lampante, questo, del fatto che probabilmente la mia mail manco l'hanno letta fino in fondo. È Mariavittoria e non Maria Vittoria. Con gli anni, visto tutte le volte in cui l'ho ripetuto - uffici postali, questura, scuola, università, carta fedeltà della libreria -, ho raggiunto la consapevolezza che lo dovrò cambiare in "Mariavittoriatuttoattaccato". Mi sono laureata con i numeri ma ho sempre la testa piena di parole con le quali riempio tantissimi taccuini che lascio sparsi per la camera tra Verona e Roma, insieme alle mie innumerevoli tazze. Penso che ognuno abbia qualcosa - un pensiero, una paura, un'ossessione, una felicità, una malinconia - da raccontare, per questo mi piace ascoltare le parole degli altri o immaginarle guardando un passante, una dottoressa, il commesso del supermercato. Scrivere di loro attraverso la forma della mia voce. La matematica mi ha insegnato che non tutto ha una soluzione e che saperlo è un primo passo per risolvere i problemi. E poi che 1729 è un numero interessante ma non perfetto, come invece lo è 28. Libri, matematica, tazze, scrittura sono solo alcune delle mie passioni. Scriverle tutte, infatti, andrebbe molto al di là del "con poche parole", quindi per ora mi fermo qui.

Related posts

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi